intro1 2

  • 1
  • 2
  • 3
Matteo Cressoni vince la "Hankook 24 hours" di Brno

Matteo Cressoni vince la "Hankook 24 hours" di Brno

Splendido risultato per Matteo Cressoni ed i compagni Palcr, Scarpaccio, Jakubik e Zsigo alla Hankook 24 Hours di Brno (Rep....

18-10-2016

Read more
Una mostra dedicata a Tazio Nuvolari a Praga

Una mostra dedicata a Tazio Nuvolari a Praga

Tazio Nuvolari è stato uno dei più grandi piloti nella storia dell’automobilismo mondiale e alla sua figura di sportivo dall’indiscusso...

03-06-2016

Read more
Nuovo curatore al Museo Nuvolari

Nuovo curatore al Museo Nuvolari

Lorenzo Montagner (Mantova, 1978) è stato nominato dal Consiglio di Amministrazione di Automobile Club Mantova nuovo Conservatore del Museo Tazio...

24-05-2016

Read more

AVVISO ESPLORATIVO PER L'INDIVIDUAZIONE DI UN NUOVO CONSERVATORE PER IL MUSEO TAZIO NUVOLARI

Il Presidente dell'Automobile Club Mantova in esecuzione della delibera del Consiglio Direttivo di AC Mantova, intende acquisire curricula vitae per...

05-04-2016

Read more
Un film sulla Mille Miglia

Un film sulla Mille Miglia

Arriva nelle sale il 15 ottobre il primo film dedicato alla grande corsa della "Mille Miglia". Una storia di passione...

13-10-2015

Read more
Al via "Sulle Strade di Nivola"

Al via "Sulle Strade di Nivola"

L’Associazione Mantovana Auto Moto Storiche TAZIO NUVOLARI con il patrocinio del Comune di Castel d’Ario dell’Automobile Club Mantova e del...

05-06-2015

Read more

Home

Benvenuti

Benvenuti nel sito ufficiale dedicato a Tazio Nuvolari, il "Mantovano volante"

14 Tazio Nuvolari con Enzo Ferrari

Tazio Nuvolari è nato a Castel d'Ario il 16 novembre 1892 e si è spento a Mantova l'11 agosto 1953.
Ha iniziato a correre a 28 anni, nel 1920, ed ha continuato a farlo, prima in moto e poi in auto, fino al 1950. A 58 anni ha disputato la sua ultima gara, vincendola.
Nel corso della sua lunga vita sportiva ha partecipato a ben 353 competizioni, 124 in motocicletta e 229 in automobile, conquistando 105 vittorie assolute e 77 di classe e facendo registrare per 100 volte il giro più veloce. E' stato 7 volte campione italiano ed ha conquistato 5 primati internazionali di velocità, stabilendo nel 1935 il record dei 330,275 kilometri orari. E' stato anche coinvolto in numerosi gravi incidenti, riportando ferite e fratture in tutto il corpo. Ha rischiato di morire bruciato vivo nel rogo della sua macchina o di rimanere schiacciato dal peso della vettura.
Ma nulla lo ha mai fermato. Le sue imprese hanno fatto di lui una leggenda.
Lo hanno chiamato in mille modi : "Figlio del diavolo" , "Figlio del vento ", "Moschettiere del rischio" , "Mantovano volante" , "Nivola" , "Campionissimo" , "Asso" , "Maestro" . Enzo Ferrari lo ha definito "il più grande di tutti" . Ferdinand Porsche lo considerava "il più grande pilota del passato, del presente, del futuro" .
Gli sono stati dedicati libri, poesie, canzoni e anche vie, piazze e persino tre monumenti: a Mantova, a Castel d'Ario e a Roma.
A più di 50 anni dalla sua scomparsa l'emozione che ancora suscita il suo nome è rimasta immutata.
Non sappiamo se un pilota automobilistico possa aspirare all'immortalità storica.Tazio Nuvolari certamente sì!

Inaugurazione nuova sede museo

1

E finalmente il Museo Tazio Nuvolari trova una nuova casa. Dopo quattro anni dalla chiusura della sede originaria nel Palazzo del Podestà, in Piazza Broletto, e dopo quasi un anno dalla fine dell’esposizione temporanea nelle Sale del Capitano, in Piazza Sordello, il Museo riapre i battenti all’interno dell’ex chiesa del Carmelino, in via Giulio Romano.
La nuova sede, affidata dal Comune all’Automobile Club di Mantova, erede testamentario dei trofei e della memoria di Nuvolari, è stata debitamente ristrutturata al fine di adeguare i locali dell’ex Archivio storico a luogo di conservazione e fruizione delle memorie del “Mantovano volante”. I lavori, condotti su progetto dell’architetto Franco Mondadori, sono stati interamente finanziati dall’associazione “Amici del Museo Tazio Nuvolari Onlus” a cui hanno aderito molti privati e aziende mantovane. Il risultato è un dono alla cittadinanza che non solo potrà finalmente rivivere le gesta sportive di uno dei mantovani più illustri, ma anche visitare un edificio storico rinascimentale, fino ad ora inaccessibile al pubblico.
I festeggiamenti per il ricorrere del 120° anniversario della nascita del grande pilota si svolgeranno nelle giornate del 16 e del 17 novembre, secondo il programma sotto riportato, nell’ex chiesa del Carmelino (via Giulio Romano - angolo via Nazario Sauro). Si comunica agli appassionati di filatelia che, durante l’inaugurazione di venerdì, sarà attivato il servizio temporaneo di annullo speciale.
Un sentito ringraziamento a tutti i soci della Onlus “Amici del Museo Tazio Nuvolari” che hanno reso possibile la riapertura del Museo e, in particolare, al Consiglio Regionale della Lombardia e alla Fondazione Banca Agricola Mantovana per aver finanziato la giornata d’inaugurazione.


Programma:

Venerdì 16 novembre 2012 – Inaugurazione per la stampa e le autorità
17,30 conferenza stampa nell’Aula Magna Isabella d’Este
18,00 taglio del nastro e visita guidata al Museo
18,30 buffet e servizio di annullo postale speciale

Sabato 17 novembre 2012 – Apertura gratuita per la cittadinanza
Dalle 10,00 alle 18,00 con orario continuato, l’ingresso sarà libero per tutti coloro che vorranno visitare la nuova sede museale.


Mantova, 5 novembre 2012

Cisitalia Abarth 204

Cisitalia-Abarth-204

Al Museo Nuvolari la Cisitalia Abarth 204
Il 21 gennaio, alle ore 16.00, la presentazione ufficiale al Carmelino
(via Giulio Romano-angolo Nazario Sauro, Mantova)

Da sabato 19 gennaio 2013 sarà esposta al Museo Tazio Nuvolari la Cisitalia 204A Spyder Sport, elaborata da Abarth e guidata dal “Mantovano Volante” alla conquista della vittoria conclusiva della sua stupefacente carriera. Era il 10 aprile 1950 quando la corsa in salita Palermo-Monte Pellegrino vide Nuvolari tagliare il traguardo sulla piccola 204 quinto assoluto e primo della classe 1100 Sport, con un distacco minimo dalle più potenti Ferrari di Musso, Bordonaro e La Motta e dalla Maserati di Musmeci.
L’Abarth Cisitalia 204A condotta da Tazio, vettura unica per le sue caratteristiche, appartenente a una produzione di soli 7 esemplari, dopo il lunghissimo e meticoloso lavoro di restauro eseguito dal proprietario Sergio Lugo, è tornata in pista. Ha attraversato l'oceano Atlantico per partecipare, da protagonista, alla Mille Miglia storica e alla rievocazione del Centenario del Giro di Sicilia, approdando infine al Museo Nuvolari.
La conferenza stampa di presentazione della vettura è prevista per lunedì 21 gennaio alle ore 16,00 nella sede museale di via Giulio Romano (angolo via Nazario Sauro), a Mantova.

Mantova, 14 gennaio 2013

Al Museo Tazio Nuvolari “Il meccanico di Fangio”

Copertina

Il 16 marzo, alle ore 11.00, la presentazione del libro di Borroni

Alle ore 11.00 di sabato 16 marzo verrà presentato al Museo Tazio Nuvolari (ex chiesa del Carmelino, via Giulio Romano - angolo N. Sauro, Mantova), il libro di Roberto Borroni Il meccanico di Fangio (Tre Lune Edizioni). E non solo di Fangio, ma anche di Nuvolari e Varzi. Una ricca e a volte inedita documentazione fotografica scorre parallela alla biografia del geniale meccanico, scandita dai rapporti professionali e umani intrattenuti con i tre eccezionali campioni.
In particolare, la paziente e sistematica ricerca condotta dall'autore in archivi privati e di famiglia ha messo in luce una foto che ritraeva Juan Manuel Fangio, l’indimenticabile asso argentino del volante, con un meccanico di Mantova: Amedeo Bignami, zio dell'autore. Così Roberto Borroni, ex senatore e sottosegretario all'Agricoltura, ha iniziato a seguire le tracce di questa coppia inossidabile, protagonista di tante vittorie nelle corse. Il libro, a metà tra storia e romanzo, ripercorre il sequestro del campione argentino alla vigilia del Gran Premio di Cuba del 1958 da parte dei guerriglieri di Fidel Castro. I rapitori annunciarono di volerlo liberare solo a corsa ultimata «per compiere un gesto di sfida contro il governo Batista». Tutto si risolse per il meglio, come confermò lo stesso Fangio: «Mi hanno trattato bene e si sono scusati per il disturbo». Un grande campione anche fuori dall'abitacolo che non mancò di riconoscere i meriti del suo braccio destro, quell'Amedeo Bignami nato nel quartiere popolare di Porto Catena.
Interverranno alla presentazione Roberto Borroni, autore del libro e Giancarlo Pascal, Presidente dell'Automobile Club Mantova. All'interno del Museo sarà possibile ammirare, inoltre, la Cisitalia 204A Spyder Sport, elaborata da Abarth e guidata dal “Mantovano volante” nella corsa in salita Palermo-Monte Pellegrino del 1950, che vide la vittoria conclusiva della sua stupefacente carriera.

2012-SCHEDA-LIBRO-Borroni p

Pagina 1 di 10

Cookie Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Per saperne di piu'

Approvo