Eberhard dona uno splendido orologio al Museo Nuvolari



Sono passati 121 anni esatti dal 16 novembre 1892, giorno in cui nasceva a Castel d’Ario un pilota straordinario, Tazio Nuvolari, la leggenda più marcata della storia dell'automobilismo, chiunque ne conosce il nome e ne ricorda le straordinarie imprese.
La storica Maison svizzera Eberhard & Co. legata con un filo rosso a questo grande mito, per onorarne la memoria, ha deciso di donare al Museo Tazio Nuvolari di Mantova, in concomitanza con ricorrenza della sua nascita, un pezzo speciale della propria collezione storica: un particolare orologio da tasca meccanico degli anni ’30 con funzione di sveglia.
La storia narra che il pilota possedesse proprio un orologio Eberhard di cui però fu ritrovata solo la custodia originale con il marchio e la riproduzione del palazzo storico della Maison; oggi Eberhard ha deciso di ricongiungere il segnatempo idealmente appartenuto a Tazio Nuvolari alla custodia e di completare così la ricca collezione di cimeli e oggetti che hanno fatto parte e raccontano la vita del “Mantovano volante”. E’ una storia fatta di passione, tempo e sfide quella che unisceTazio Nuvolari e Eberhard & Co., Maison specializzata nella produzione di orologi ad alto contenuto tecnico, che all’interno della propria ricca gamma di segnatempo, dedica una collezione speciale al più grande mito dell’automobilismo sportivo di tutti i tempi ed è sponsor di uno degli appuntamenti più importanti nel panorama delle corse per auto storiche a livello mondiale a lui dedicato: il Gran Premio Nuvolari. La collezione Eberhard & Co. “Tazio Nuvolari”, è stata ideata e realizzata in base a una filosofia progettuale che ha come riferimento la strumentazione delle auto da corsa dell'epoca. Il posto di guida delle straordinarie vetture con le quali il"Mantovano Volante" conquistò tante vittorie è stato, per i tecnici Eberhard, una concreta fonte di indicazioni e soluzioni, sia funzionali, sia estetiche. Gli strumenti "alloggiati" nel cruscotto dovevano ottemperare a esigenze di essenzialità, nitidezza, facilità di lettura, precisione, resistenza alle intemperie ed alle vibrazioni.
A partire dal 1992 anno di nascita del primo segnatempo “Tazio Nuvolari” la Maison ha rinnovato anno dopo anno questa straordinaria collezione mantenendone alcune caratteristiche peculiari come la particolare lavorazione a “rosette” del fondo serrato da viti e della lunetta che ricorda le finiture dei cruscotti delle auto da corsa dell’epoca, la firma del pilota incisa che aggiunge un valore intangibile non meno importante della sofisticata tecnologia costruttiva, le sue iniziali “TN”, la riproduzione stilizzata della leggendaria tartaruga, portafortuna del pilota, donata al “Mantovano Volante” da Gabriele d'Annunzio, suo grande amico ed estimatore, con la dedica: "All'uomo più veloce del mondo, l'animale più lento". La collezione Tazio Nuvolari si conferma un’affascinante combinazione di elementi estetico-funzionali che custodiscono l’essenza della passione sportiva di Eberhard & Co. e la traducono in modelli dalla personalità unica. Ecco perché se Tazio Nuvolari si mettesse oggi al volante, avrebbe al polso il "Suo" modello, così come lo ebbe in passato, visto che fra i suoi cimeli compare appunto la scatola di un orologio da tasca Eberhard.
L’orologio da Tasca donato al Museo ha fatto il suo debutto in occasione della mostra “D’Annunzio a Bologna. E séguito a vivere, studiosamente voluttuosamente...”. L’esposizione, la più importante realizzata su d'Annunzio, tenutasi presso Casa Saraceni fino al 10 novembre, si collocava nell'ambito delle celebrazioni del 150° anniversario dello scrittore e conteneva una sezione speciale dedicata a Tazio Nuvolari. Il gioiello è stato esposto, a completamento della vetrina dedicata al rapporto tra il vate e il pilota, insieme ai cimeli provenienti dal Museo Nuvolari tra cui la scatola dell’orologio Eberhard storicamente appartenuto a Nuvolari e la mitica Targa Florio del 1932.

Una targa in onore di Tazio Nuvolari al circuito di Donington

Il 12 novembre alle ore 11 l'Inghilterra e il circuito di Donington in particolare, renderanno omaggio al “Mantovano Volante” inaugurando una targa celebrativa per il 75° anniversario della vittoria del IV Gran Premio di Donington del 1938.
La cerimonia vedrà la partecipazione di Kevin Wheatcroft, proprietario del circuito e di Terry Cordy, rappresentante inglese di Eberhard, main sponsor dell'evento. Per gli appassionati sarà inoltre possibile ammirare una Maserati 8CM guidata da Tazio Nuvolari, appartenente alla collezione privata del circuito.

Paparoni-Kovals si aggiudicano il 19° Trofeo Magelli



Il 19° trofeo Marco Magelli, organizzato da A.M.A.M.S. Tazio Nuvolari, si è concluso con la vittoria dell'equipaggio Paparoni-Kovals a bordo di una Lancia Fulvia Coupè Rally S del 1969. La due giorni di guida, segnata da un continuo maltempo, ha visto le automobili sfrecciare tra i paesaggi cittadini, delle colline moreniche e delle campagne mantovane. L'equipaggio vincitore distanzia di sole 38 penalità il duo Colombo-Resnati su Fiat 1100/103 del 1956. Al terzo posto l'equipaggio Vitella-Cassina su Austin Healey Sprite Frog Eyes del 1960, già vincitore delle edizioni 2011 e 2012.

I cimeli del Museo Nuvolari esposti alla mostra "D'Annunzio a Bologna"



I cimeli del Museo Tazio Nuvolari faranno parte della esposizione che si terrà dall' 11 ottobre al 19 novembre presso Palazzo Saraceni a Bologna. "D'Annunzio a Bologna", questo il nome della mostra,con la preziosa collaborazione di Eberhard ospiterà una importante vetrina dedicata al rapporto tra il vate e il pilota mantovano. Saranno esposti, oltre ad un orologio della collezione Nuvolari prestato dalla prestigiosa casa svizzera di orologi, la custodia dell'Eberhard storicamente appartenuto a Tazio, la Targa Florio del 1932, il telegramma con cui D'Annunzio si complimentava per la vittoria con Nuvolari e, ovviamente, la tartaruga donata dal vate al pilota che diventerà poi il simbolo di Tazio Nuvolari. Per informazioni: www.fondazionecarisbo.it

L'Alfa Romeo 8C-35 di Nuvolari venduta all'asta per 7 milioni di euro



Questa bellissima Alfa Romeo 8C-35 del 1935, appartenuta alla Scuderia Ferrari e guidata da Tazio Nuvolari, è stata venduta all'asta per poco più di 7 milioni di euro.
L'asta si è svolta al Goodwood revival in Inghilterra lo scorso settembre e, secondo la casa d'aste, è stata un successo inaspettato. Il compratore, rimasto anonimo, ha sborsato una cifra di poco superiore ai 7 milioni di euro diventando così il secondo prezzo più alto pagato per un auto in un'asta europea e diventando l'Alfa Romeo più pagata della storia.
L'auto fu acquistata dalla neo-nata Scuderia Ferrari e il palmares documentato riporta la partecipazione ad 8 gran premi prima della vittoria nella Coppa Ciano del 1936 con il Mantovano Volante alla guida.

Pagina 6 di 8

Cookie Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Per saperne di piu'

Approvo